Come scrivere una newsletter

Come scrivere una newsletter efficace? Creare una newsletter non è semplice, soprattutto oggi che siamo tempestati da pubblicità di ogni tipo, dobbiamo cercare di catturare l’attenzione del nostro destinatario in maniera rapida e convincente. L’email marketing è uno degli strumenti più efficaci per promuovere la tua attività e i tuoi prodotti, sia che tu ti rivolga ai privati che alle aziende.

Sei alle prese con la tua prima newsletter e non sai da dove partire?

Ecco qualche consiglio su come scrivere una newsletter efficace, semplificare il tuo lavoro e creare un messaggio che converta il più possibile.

L’OGGETTO DELLA NEWSLETTER

Nell’oggetto è scritto già il destino della tua mail.

La gran parte dei destinatari aprirà la tua mail solo basandosi sull’oggetto per cui è importante con poco più di 30 caratteri convincere chi legge a fare un clic ed aprire la tua mail.

La prima caratteristica del tuo oggetto deve essere: breve.

Poiché non sai da dove apriranno la mail i tuoi destinatari se da mobile, da desktop o tablet un testo corto permette loro una maggiore rapidità di lettura e diminuisce la possibilità di essere tagliato.

In secondo luogo l’oggetto deve essere chiaro, si deve capire subito di cosa stai parlando;

infine deve essere veritiero: non “gonfiare” i prodotti che offri e non usare trucchi, l’oggetto deve sempre essere coerente con il messaggio interno alla mail altrimenti perderai la fiducia dei tuoi destinatari.

IL MITTENTE DEL MESSAGGIO

Insieme all’oggetto il mittente della tua mail è un elemento fondamentale per la riuscita della newsletter.

I destinatari devono riconoscere il nome della tua azienda o del tuo brand, cerca quindi di non usare sigle o abbreviazioni che confondono le idee perché diminuirai cosi notevolmente la possibilità di apertura della mail e aumenterai invece la possibilità di venire segnalato come Spam.

Se, oltre all’email marketing, usi i Social per campagne pubblicitarie, ricorda di utilizzare sempre lo stesso nome e logo, in questo modo sarai facilmente riconoscibile su tutti i canali che utilizzi.

LA GRAFICA E L’IMPATTO VISIVO

Il messaggio che invii deve essere armonioso ed equilibrato: gestisci bene la quantità di testo e immagini.

Un’immagine dice più di mille parole, utilizza sempre foto di alta qualità e crea discromie per attirare l’attenzione di chi legge su ciò che ti interessa.

Nel testo che scrivi cerca sempre di mettere in rilievo i benefici del prodotto che stai proponendo e non perdere tempo con descrizioni lunghe e noiose: chi legge deve contattarti perché incuriosito da ciò che proponi e non diventare un esperto del tuo prodotto!

Coinvolgi il destinatario con domande, fa come se stessi parlando direttamente con lui e cerca di esprimere un senso di “urgenza” in modo che si pensi “ora o mai piu”.

Non creare una grafica improvvisata e approssimativa, ma sii professionale e anche i destinatari ti percepiranno come tale.

LA CALL TO ACTION

Arrivati a questo punto la tua mail è quasi pronta, manca la ciliegina sulla torta!

Non rendere vano tutto il lavoro fatto fino a ora, la Call to Action o invito all’azione è l’ultimo passo da fare, è il clic che distingue una mail efficace, è il clic della conversione.

La Call to Action deve essere chiara e ben visibile; crea un bottone di un colore che risalti nel testo e scrivi un messaggio ben preciso, chi clicca deve sapere cosa sta richiedendo: “invia la richiesta” “ricevi l’offerta” “iscriviti alla newsletter”.

Poni la Call to Action in una posizione facilmente individuabile, in modo che chi vuole cliccare non ci rinunci perché non sa come fare.

Ultimo consiglio, ma non meno importante: controlla e studia sempre i report degli invii e da li potrai capire cosa non ha funzionato nella tua mail e potrai modificarne solo una parte.

Con il tempo e l’esperienza imparerai come scrivere una newsletter efficace sempre più performante: la parola d’ordine come sempre è sperimentare!

Come scrivere una newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *